Il vostro browser è obsoleto.

Al fine di utilizzare il nostro sito web in tutte le funzioni, è necessario che installiate una versione attuale del browser. Qui troverete l’elenco dei browser nelle versioni consigliate.



Lotto No. 182


Johann Ziegler


Johann Ziegler - Dipinti del XIX secolo

(Meiningen 1749 – intorno al 1812 a Vienna) Veduta della strada viennese Alserstraße (all’epoca detta Alstergasse) presa dai bastioni/Glacis, 1778–1779, matita e penna su carta, cm. 25,2 x 41,9, fissato al supporto, passepartout, senza cornice, (spruzzi d’inchiostro sul bordo destro), lievissimo foxing, (Sch)

Il presente disegno costituisce il modello immediato per la calcografia di Ziegler intitolata “Aussicht vom Glacis gegen die Alstergasse” (veduta della Alserstraße presa dai bastioni/Glacis), che faceva parte di un ciclo composto da 56 pezzi detto “Wiener Ansichten” (vedute viennesi) che fu pubblicato nel 1779 dall’editore Artaria Verlag. L’origine di questo ciclo di vedute viennesi risale all’anno 1778 quando Johann Ziegler e Karl Schütz, entrambi membri dell’Accademia, decisero di cooperare con lo scopo di presentare “le regioni più belle e squisite della capitale e residenza imperial-regia Vienna e dei suoi sobborghi, come anche quelle delle linee” (“vorzüglichsten und schönsten Gegenden der prächtigen k. k. Residenzstadt Wien und ihrer Vorstädte, als auch jene von den Linien”). Dato che già poco dopo la pubblicazione dei primi fogli, le „Wiener Ansichten“ (vedute viennesi) incontrarono un grande favore nel pubblico, la ditta Artaria concluse un contratto con gli artisti allo scopo di assicurarsi la continuazione del ciclo. Le calcografie rilegate in questo ciclo costituiscono una delle più importanti e più preziose fonti di immagini di Vienna, che reclamizzano, nello spirito dell’illuminismo, la città al momento in cui stava per modernizzarsi e rinnovarsi. Al centro della prospettiva si vede la caserma situata nella Alserstraße oppure Alstergasse. Nel 1751 l’edificio dell’Accademia del paesaggio fu acquistato dall’Imperatrice Maria Teresa e in seguito trasformato in una caserma di fanteria. Accanto a quest’edificio a destra si trovano i resti dell’antico monastero di Montserrat detto anche degli Schwarzspanier, a destra il monastero è sormontato dal monte Leopoldsberg. Sulla sinistra della Chiesa Schwarzspanierkirche si vede il monte Kahlenberg con le torri dell’ex monastero dei Camaldolesi. Poiché il presente disegno è uno dei rari disegni preparatori ancora esistenti di Johann Ziegler, esso svolge un ruolo molto importante per la documentazione delle opere di Ziegler e della sua maniera di lavorare. Mentre tutti gli originali realizzati da Schütz sono stati identificati, quelli di Ziegler, Janscha e Schaffer non potevano essere pienamente attribuiti ai rispettivi autori. Quanto agli originali di Ziegler, il Gabinetto di disegni e stampe della Biblioteca nazionale di Vienna custodisce gli acquerelli , lasciati in eredità dal collezionista Di Pauli (1848) relativi ai n. 25 “Das Lusthaus im Prater”, n. 29 “die Lindenallee im Augarten”, n. 33 “Die Seufzerallee im Augarten” e al n. 36 “Die Schlagbrücke”; nell’Accademia delle Arti figurative si trova l’originale relativo al n. 12 “Ein Theil der Leopoldsstadt”. Nella Collezione Karajan (1881) erano conservati due originali di Ziegler, cioè il n. 3”Schottentor” gegen die Währingergasse” e il n. 33 “Das Salesianerinnen-Kloster”. Bibliografia Edit. Artaria/Der Verlag Artaria. Veduten und Wiener Alltagsszenen (vedute e scene della vita quotidiana viennese), Ausst. Kat. Historisches Museum der Stadt Wien (catalogo dell’esposizione del Museo storico della città di Vienna, 28 maggio – 13 settembre 1981, cat. 3, p. 27–29; Ignaz Schwarz (pubbl.), Die Wiener Straßenbilder im Zeitalter des Rokoko. Die Wiener Ansichten von Schütz, Ziegler, Janscha 1779–1798 (Immagini di strade di Vienna all’epoca del roccoco. Vedute viennesi di Schütz, Ziegler, Janscha 1779-1798), cat. 2, p. 34. Provenienza: Alfred Eisler, 1937 Valerie Eisler, 1940 vendita forzata alla Collezione grafica dell’Albertina (n. dell’inv. 28636); nel 2000 restituzione agli eredi legali di Valerie Eisler.

Esperta: Mag. Astrid-Christina Schierz Mag. Astrid-Christina Schierz
+43-1-515 60-546

astrid.schierz@dorotheum.at

20.04.2010 - 18:00

Stima:
EUR 12.000,- a EUR 15.000,-

Johann Ziegler


(Meiningen 1749 – intorno al 1812 a Vienna) Veduta della strada viennese Alserstraße (all’epoca detta Alstergasse) presa dai bastioni/Glacis, 1778–1779, matita e penna su carta, cm. 25,2 x 41,9, fissato al supporto, passepartout, senza cornice, (spruzzi d’inchiostro sul bordo destro), lievissimo foxing, (Sch)

Il presente disegno costituisce il modello immediato per la calcografia di Ziegler intitolata “Aussicht vom Glacis gegen die Alstergasse” (veduta della Alserstraße presa dai bastioni/Glacis), che faceva parte di un ciclo composto da 56 pezzi detto “Wiener Ansichten” (vedute viennesi) che fu pubblicato nel 1779 dall’editore Artaria Verlag. L’origine di questo ciclo di vedute viennesi risale all’anno 1778 quando Johann Ziegler e Karl Schütz, entrambi membri dell’Accademia, decisero di cooperare con lo scopo di presentare “le regioni più belle e squisite della capitale e residenza imperial-regia Vienna e dei suoi sobborghi, come anche quelle delle linee” (“vorzüglichsten und schönsten Gegenden der prächtigen k. k. Residenzstadt Wien und ihrer Vorstädte, als auch jene von den Linien”). Dato che già poco dopo la pubblicazione dei primi fogli, le „Wiener Ansichten“ (vedute viennesi) incontrarono un grande favore nel pubblico, la ditta Artaria concluse un contratto con gli artisti allo scopo di assicurarsi la continuazione del ciclo. Le calcografie rilegate in questo ciclo costituiscono una delle più importanti e più preziose fonti di immagini di Vienna, che reclamizzano, nello spirito dell’illuminismo, la città al momento in cui stava per modernizzarsi e rinnovarsi. Al centro della prospettiva si vede la caserma situata nella Alserstraße oppure Alstergasse. Nel 1751 l’edificio dell’Accademia del paesaggio fu acquistato dall’Imperatrice Maria Teresa e in seguito trasformato in una caserma di fanteria. Accanto a quest’edificio a destra si trovano i resti dell’antico monastero di Montserrat detto anche degli Schwarzspanier, a destra il monastero è sormontato dal monte Leopoldsberg. Sulla sinistra della Chiesa Schwarzspanierkirche si vede il monte Kahlenberg con le torri dell’ex monastero dei Camaldolesi. Poiché il presente disegno è uno dei rari disegni preparatori ancora esistenti di Johann Ziegler, esso svolge un ruolo molto importante per la documentazione delle opere di Ziegler e della sua maniera di lavorare. Mentre tutti gli originali realizzati da Schütz sono stati identificati, quelli di Ziegler, Janscha e Schaffer non potevano essere pienamente attribuiti ai rispettivi autori. Quanto agli originali di Ziegler, il Gabinetto di disegni e stampe della Biblioteca nazionale di Vienna custodisce gli acquerelli , lasciati in eredità dal collezionista Di Pauli (1848) relativi ai n. 25 “Das Lusthaus im Prater”, n. 29 “die Lindenallee im Augarten”, n. 33 “Die Seufzerallee im Augarten” e al n. 36 “Die Schlagbrücke”; nell’Accademia delle Arti figurative si trova l’originale relativo al n. 12 “Ein Theil der Leopoldsstadt”. Nella Collezione Karajan (1881) erano conservati due originali di Ziegler, cioè il n. 3”Schottentor” gegen die Währingergasse” e il n. 33 “Das Salesianerinnen-Kloster”. Bibliografia Edit. Artaria/Der Verlag Artaria. Veduten und Wiener Alltagsszenen (vedute e scene della vita quotidiana viennese), Ausst. Kat. Historisches Museum der Stadt Wien (catalogo dell’esposizione del Museo storico della città di Vienna, 28 maggio – 13 settembre 1981, cat. 3, p. 27–29; Ignaz Schwarz (pubbl.), Die Wiener Straßenbilder im Zeitalter des Rokoko. Die Wiener Ansichten von Schütz, Ziegler, Janscha 1779–1798 (Immagini di strade di Vienna all’epoca del roccoco. Vedute viennesi di Schütz, Ziegler, Janscha 1779-1798), cat. 2, p. 34. Provenienza: Alfred Eisler, 1937 Valerie Eisler, 1940 vendita forzata alla Collezione grafica dell’Albertina (n. dell’inv. 28636); nel 2000 restituzione agli eredi legali di Valerie Eisler.

Esperta: Mag. Astrid-Christina Schierz Mag. Astrid-Christina Schierz
+43-1-515 60-546

astrid.schierz@dorotheum.at


Hotline dell'acquirente lun-ven: 09.00 - 18.00
kundendienst@dorotheum.at

+43 1 515 60 200
Asta: Dipinti del XIX secolo
Data: 20.04.2010 - 18:00
Luogo dell'asta: Vienna | Palais Dorotheum
Esposizione: 10.04. - 20.04.2010